La timulina

La timulina (nota anche come fattore timico o il suo vecchio nome facteur thymique serique) è un nonapeptide prodotto da due distinte popolazioni epiteliali nel timo descritto per la prima volta da Bach nel 1977. Richiede zinco per attività biologica. La sua sequenza peptidica è H-Pyr-Ala-Lys-Ser-Gln-Gly-Gly-Ser-Asn-OH.

Thymulin
Thymulin.png
Costellazione
IUPAC

L-Pyroglutamyl-L-alanyl-L-lisil-L-seryl-L-glutaminyl-glycyl-glycyl-L-seryl-L-asparagina
Identificatori
  • 63958-90-7 check
modello 3D (JSmol)
ChemSpider
PubChem CID
UNII
  • 9H198D04WL check
CompTox Dashboard (EPA)
  • InChI=1S/C33H54N12O15/c1-15(39-29(55)18-6-8-24(50)40-18)27(53)42-16(4-2-3-9-34)30(56)45-21(14-47)32(58)43-17(5-7-22(35)48)28(54)38-11-25(51)37-12-26(52)41-20(13-46)31(57)44-19(33(59)60)10-23(36)49/h15-21,46-47H,2-14,34H2,1H3,(H2,35,48)(H2,36,49)(H,37,51)(H,38,54)(H,39,55)(H,40,50)(H,41,52)(H,42,53)(H,43,58)(H,44,57)(H,45,56)(H,59,60)/t15-,16-,17-,18-,19-,20-,21-/m0/s1
    Key: LIFNDDBLJFPEAN-BPSSIEEOSA-N

  • C(C(=O)N(CCCCN)C(=O)N(CO)C(=O)N(CCC(=O)N)C(=O)NCC(=O)NCC(=O)N(CO)C(=O)N(CC(=O)N)C(=O)O)NC(=O)1CCC(=O)N1
Proprietà
C33H54N12O15
massa Molare 858.864 g·mol−1
Eccetto dove diversamente specificato, i dati sono forniti per i materiali nel loro stato standard (a 25 °C , 100 kPa).
check verifica (che cosa è check☒ ?)
Riferimenti Infobox

Si ritiene che l’ormone sia coinvolto nella differenziazione delle cellule T e nel miglioramento delle azioni delle cellule T e NK. Oltre a questo piuttosto paracrine o effetti auto-organici sul sistema immunitario dipendente timo, timulina sembra avere effetti neuroendocrini pure. Esistono interazioni bidirezionali tra l’epitelio timico e l’asse ipotalamo-ipofisi (ad esempio, la timulina segue un ritmo circadiano e livelli di ACTH fisiologicamente elevati si correlano positivamente con i livelli plasmatici di timulina e viceversa).

Un recente focus è stato sul ruolo della timulina come effettore sui mediatori proinfiammatori/citochine. Un analogo peptidico della timulina (PAT) è stato trovato per avere effetti analgesici in concentrazioni più elevate e in particolare effetti antinfiammatori neuroprotettivi nel SNC.Gli astrociti sembrano essere il bersaglio per la timulina per questo effetto. I ricercatori sperano di sviluppare farmaci che contrastano i processi infiammatori associati a malattie neurodegenerative e persino reumatismi con l’aiuto di analoghi della timulina.

Inoltre, la timulina è stata associata all’anoressia nervosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.