Tie-dye è tornato per il 2019 ed è per questo che

Fino a poco tempo fa, tie-dye era morto come un doornail. Ma poi Beyoncé lo ha indossato in vacanza sulla spiaggia, Dree Hemingway ha scelto la stampa per un evento sul tappeto rosso e Justin Bieber si è presentato in chiesa indossandolo. Il marchio cult LA The Elder Statesman ne ha fatto un pilastro delle sue vivaci collezioni ispirate alla California. La scorsa stagione, Prada, Proenza Schouler, Stella McCartney e R13 l’hanno trasformata in una tendenza da passerella e la high street sta già facendo copie. La piattaforma di ricerca globale di moda Lyst riferisce che tie-dye è una delle parole chiave di ricerca di moda in più rapida crescita dell’anno finora e il dolcevita Proenza è il nono prodotto femminile più caldo. Shopping app LiketoKnow.it rivela che le ricerche per ‘camicie tie-dye’ sono su 900 per cento questo mese rispetto a maggio. Tie-dye è tornato.

“È stata una tendenza enorme che abbiamo visto sia dentro che fuori dalla pista e l’abbiamo abbracciata da un’ampia varietà di marchi”, ci ha detto Elizabeth von der Goltz, global buying director di Net-a-Porter. “Le magliette erano il nostro elemento chiave; pensate all’Ibiza degrade di Chloé, al tie-dye viola di Paco Rabanne, una versione brillante e vibrante di R13 e agli abiti oversize di Stella McCartney in colori pastello.”

Le T-shirt Surfer girl potrebbero essere la scelta ovvia e più accessibile (e senza dubbio l’incarnazione più favorita dagli influencer della moda), ma è l’evoluzione del tie-dye che lo fa sentire fresco per il 2019. Proenza Schouler ha applicato la tecnica al denim, mentre Prada ha elevato la famosa stampa hippy utilizzandola su silhouette femminili come mini abiti e gonne a-line. Tessuti couture come duchess satin hanno favorito le credenziali di lusso di tie-dye.

Proenza Schouler tie dye
Proenza Schouler primavera/estate 2019
Getty

Prada tie dye
Prada primavera/estate 2019
Getty

“Storicamente, tie-dye è un hippie anni ’70, il potere di fiore connotazione, mentre la nuova primavera tie-coloranti sono molto moderni”, dice von der Goltz. “Dalle combinazioni cromatiche più sofisticate ai tessuti più elevati e alle forme inaspettate, il nuovo tie-dye è più elevato e fashion forward.”

Selfridges ha anche acquistato la tendenza in grande stile, citando Prada, Balmain e MSGM come marchi di spicco. “Lavaggi acidi e toni brillanti hanno trasformato il tie-dye dalle sue radici hippy”, afferma Luke Mountain, responsabile acquisti di abbigliamento donna di Selfridges, aggiungendo che le iterazioni moderne vanno oltre le T-shirt. Tie-dye può essere trovato “spruzzato attraverso piumini da Shoreditch Sci Club, maglioni di lana da Balmain e gonne e abiti impreziositi da Prada”.

Mentre il tie-dye del 2019 potrebbe essere indossato in modo diverso dalle sue origini hippy degli anni ’60, la sua associazione con la controcultura rilassata ha una rilevanza. La nuova collezione di Chris Leba, fondatore di R13, è stata un omaggio alle estati infantili trascorse a Montauk, dove ogni negozio di surf era dominato da spruzzi di colore tinto. Crede che la stampa abbia una potenza particolarmente politica.

“Nell’era Trump, quando la politica di destra è così forte, penso che il tie-dye possa essere visto come una protesta pacifica, ma provocatoria contro i conservatori”, ci ha detto. “In un certo senso, ci sono molte somiglianze in termini di sfondo allora e ora. Negli anni ‘ 60, abbiamo avuto Nixon alla Casa Bianca con gli studenti che protestavano contro la destra conservatrice. Ora abbiamo Trump alla Casa Bianca con le donne, gli immigrati e la comunità LGBQ che lottano per i loro diritti.”

A Sai Ta, il designer dietro la sua omonima etichetta di culto londinese, è d’accordo. Dice che la sua collezione primavera/estate 2019 coperta da tie-dye, disponibile al Dover Street Market, lo fa sentire “pieno di speranza”.

“È rilevante per i tempi ora come lo era nel contro movimento degli hippies”, ci dice. “È un riflesso di libertà e speranza. Il processo di tie-dye crea sempre risultati inaspettati e il suo esito è sempre incerto, che immagino sia l’umore dei tempi. L’ignoto è più presente.”

Chrissie Hynde
Chrissie Hynde indossare tie-dye nel 1986
Getty

Tie-dye potrebbe essere l’anno più svegliò di tendenza, ma un’altra parte del suo fascino è la sua individualità. Tradizionalmente, il tie-dye è fatto legando mazzi di tessuto con filo cerato, quindi il colorante copre solo le aree esposte, il che significa che non ci sono due pezzi uguali. Negli anni ’60 e’ 70, quando il tie-dye era pervasivo, divenne un simbolo di individualità ed espressione creativa attraverso versioni fatte a mano e rustiche che non costavano molto.

“Questo modo di progettare e vestire ha permesso una completa individualità che a volte può mancare nella moda in questi giorni”, ha detto Kavita Kumari, uno specialista della stampa e della tintura al London College of Fashion. “La rinascita di tie-dye ha effettivamente fornito agli individui l’opportunità di recuperare parte della loro identità personale senza sembrare cloni l’uno dell’altro. Il consumismo si è notevolmente spostato e, sebbene il mercato della moda sia già saturo, sembrerebbe che le variazioni nella moda siano ancora piuttosto limitate.”

Hippy tie dye
Un giovane hippy indossa tie-dye negli anni ‘ 60
Getty

A Net-a-Porter, Proenza Schouler per la stagione autunno/inverno 2018 caleidoscopica di velluto dolcevita venduto bene, dimostrare che questo è un aspetto che va oltre i mesi estivi, di solito associati con tie-dye – e, ancora una volta, che è il lavorati a mano appello che lo rende popolare. “Il nostro cliente è sempre alla ricerca di qualcosa di speciale e i trattamenti batik e tessuti danno davvero l’impressione di tecniche artigianali”, afferma von der Goltz.

Il tardivo passaggio della moda verso la sostenibilità è il fattore finale dietro la rinascita del tie-dye. L’industria sta cambiando. Sempre più aziende si sono impegnate a rottamare la pelliccia (Chanel, Versace e Jean Paul Gaultier inclusi) e un numero crescente di marchi in aumento ha posto l’etica in prima linea (Novanta per cento, Lark & Berry e Gabriella Hearst), mentre l’idea di moda usa e getta sembra superata e che inducono sensi di colpa.

tie dye
danese modelli Nina Marcatore e Sarah Dahl
Getty

Jaime King
Jaime King in un Dior tie-dye abito in novembre 2018
Nicola HuntGetty Immagini

Tie-dye è lunga legami con metodi artigianali e materiali organici rendono perfetto per chi vuole rettamente onda svegliato banner attraverso ciò che indossano.

“L’attuale consapevolezza attorno a parole come” fast-fashion “e sostenibilità è probabilmente in parte responsabile della rigenerazione del tie-dye nella moda di oggi”, ha affermato Kumari. “La ri-generazione e la prevalenza del tie-dye nel 2019 deriva dai cambiamenti nella moda come industria. L’associazione di sostenibilità, eco fashion e coloranti naturali sono grandi influencer del modo in cui il tie-dye è riemerso nella moda di oggi.”

Questo contenuto viene importato da Instagram. Si può essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, o si può essere in grado di trovare ulteriori informazioni, al loro sito web.

Quindi come indossarlo ora? Selfridges ‘Luke Mountain dice che” funziona in modo fantastico come un detergente per palette se abbinato al denim”. Von Der Goltz suggerisce lo styling “una delle gonne a sfera di Prada con un body nero per la sera e un approccio più moderno, o abbinare una T-shirt con shorts in denim in piena estate per canalizzare il vero stile LA”. Per Chris Leba di R13, non è altrettanto didattico. “C’è solo un modo per indossare tie dye”, ride. “Qualsiasi dannato modo che ti piace perché è, dopo tutto, un simbolo di individualismo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.